Eupatorio





 

Storia

Non si deve confondere l’eupatorio degli Arabi con l’eupatorio dei Greci, che, fino al XVII secolo, è stato il nome di una pianta, oggi nota come agrimonia. L’eupatorio cannabino assomiglia alla canapa, e tra le tante specie del genere Eupatorium è la sola che cresce allo stato spontaneo. Gli animali che brucano questa erba sono pochi, però le capre, notoriamente molto avide, se ne cibano, nonostante le foglie siano amare. Si dice che i cervi feriti si servano delle foglie fresche, dalle proprietà cicatrizzanti, per lenire le loro piaghe.

Parti usate

Le foglie (prima della fioritura), la radice fresca (primavera o autunno).

Proprietà

Aperitive, colagoghe, depurative, diuretiche, lassative, stimolanti, vulnerarie.

Misure

acrilico su multistrato con trasparente satinato

cm. 40x40x1,5

€400

NON DISPONIBILE

 

 

 






Recent Portfolios